Home » Economia »

Raggiunta intesa tra Grecia e creditori

 

Manca solo l’annuncio ufficiale, ma sembra che l’intesa tra il governo di Atene e i creditori privati sia giunto al termine, in modo estremamente positivo per i risvolti futuri europei, ma non solo. Infatti i creditori privati sembrerebbe intenzionati ad accettare lo swap sul taglio del valore del 50 percento. Oltre 200 miliardi di debito greco sui complessivi 360 miliardi sono in possesso delle banche, assicurazioni ed hedge fund, laddove, venisse ufficializzata l’intesa, l’accordo prevede un periodo di grazia di 10 anni con interessi iniziali del 3,5% a salire fino al 4,5%. L’unico problema che potrebbe rivelarsi “pericoloso”, sono gli hedge fund detenuti da investitori americani, laddove dovessero rifiutare l’haircut; ma crediamo che alla fine sarà “inevitabilmente” l’intesa. Per la Grecia, quindi, si prospetta un clima leggermente meno teso con questo accordo, ma se non dovesse andare in porto, (anche se “sembra già fatto”), i greci non potranno rimborsare gli oltre 15 miliardi di euro di debito in scadenza a Marzo.

Sicuramente con l’accordo ne beneficerà l’Italia, l’Europa ed infine l’intera economia mondiale, perché la ristrutturazione del debito greco aprirebbe le porte al raggiungimento della sostenibilità del debito in futuro. L’intesa, oltretutto farebbe schizzare in primis le borse europee al rialzo, con benefici molto importanti anche per il nostro differenziale sceso a quota 430 punti base.

 
 
 

0 Commenti

You can be the first one to leave a comment.

 
 

Lascia un commento